APPARECCHI ELETTROMEDICALI


LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTROMEDICALI

Al fine di tutelare il paziente ed al fine di poter individuare eventuali responsabilità legali conseguenti ad errate pratiche sanitarie, da alcuni anni è stata introdotta una filiera produttiva e distributiva, definita con il criterio della RINTRACCIABILITA’. Ogni prodotto sanitario circolante nella UE, deve essere prodotto, distribuito ed impiegato secondo precise normative CE (es. CEI 62.5 e succ.) emanate da organismi governativi (in Italia il Comitato Elettrotecnico Italiano: CEI) al fine di garantire prestazioni e caratteristiche tecniche uniformi all’interno di qualsiasi struttura sanitaria.
Il paziente all'interno di un locale ad uso medico è sottoposto ad una serie di pericoli di natura elettrica sicuramente maggiori rispetto ad altri locali poiché la tipicità dell'ambiente e le particolari attività che vi si svolgono determinano un aumento dei fattori di rischio.

CONTROLLI

Ogni prodotto viene identificato con un nome commerciale, un codice articolo o nome commerciale, una matricola, un codice indicante il lotto produttivo, il nome del fabbricante, il marchio CE, la data di produzione, la data di scadenza ed indicazioni sul corretto stoccaggio, impiego, Ogni apparecchio elettromedicale deve essere contrassegnato da una etichetta inamovibile che riporti i dati di targa principali.Tale etichetta nella quasi totalità dei casi al fine di tutelare il paziente ed è posizionata in corrispondenza del pannello posteriore dell’apparecchio, riportando dati di estrema importanza dal punto di vista sia della sicurezza che della gestione delle apparecchiature elettromedicali a livello amministrativo e legale. Queste apparecchiature sono connesse ad impianti tecnici, ovvero elettrici, per cui attualmente la normativa specifica di sottoporre a prova individuale le apparecchiature per evitare situazioni in cui l’invecchiamento dei singoli elementi possa portare a scarsi standard di sicurezza.

I controlli si applicano:

Prima della messa in servizio

A seguito della messa in servizio, con periodicita’ riportata sul manuale dell’apparecchiatura e con cadenza non superiore ai  24  mesi

Dopo le riparazioni

SAFETY TECHNOLOGY S.R.L

L’ esigenza di “normalizzare” le procedure sanitarie, sotto il profilo esecutivo tecnico e scientifico, non può prescindere dall’aspetto della sicurezza e prevenzione dei rischi, per cui SAFETY TECHNOLOGY s.r.l  ente verificatore ed ispettivo, provvede a:

• monitorare la sicurezza intrinseca, ovvero la sicurezza della procedura delle     apparecchiature
• monitorare la sicurezza estrinseca, ovvero la sicurezza nell’uso degli apparecchi
• effettuare le verifiche ed ispezioni, le procedure di monitoraggio della sicurezza
• individuare la tempistica di valutazione e monitoraggio della sicurezza
(intervalli di controllo)
• armonizzare le procedure



Scarica il documento completo in formato PDF




Copyright © 2015 Safety Technology S.r.l. - P.IVA 01744590389 - Privacy



Numero REA: FE-194060 - Cap. soc. € 12.000 i.v. - Realizzazione sito web by Pronesis srl - Promozione siti sui motori di ricerca
DPR 462 :: Verifiche messa a terra :: Abilitazioni :: Verifiche DPR 462 :: Norme impianti elettrici :: Organismi abilitati DPR 462